martedì 7 febbraio 2017

Nutella fatta in casa

In rete esistono centinaia di varianti di questa ricetta per riprodurre in casa una crema spalmabile che abbia il gusto proprio come quello della famosa marca di Alba. Preferisco chiarirlo da subito: come tutte le altre, anche questa versione della nutella fatta in casa è liscia, cremosa, con un intenso profumo di nocciole, ma non è come quella comprata. Fior fiore di aziende ci stanno provando da anni, ma è inutile: la vera ricetta della nutella è segreta, e, per questo a tutt'oggi non replicabile. C'è anche da dire che in una dimensione domestica gli ingredienti non possono essere gli stessi utilizzati in una produzione industriale, ed in questo caso più che in altri la differenza si sente. Non è la prima volta che provo a fare la nutella in casa, ma fino ad ora avevo sempre sperimentato ricette che, forse per la promessa di una riproduzione identica all'originale, si rivelavano alla fine insoddisfacenti. Uno dei limiti più grandi era dover conservare la crema in frigo, con la conseguenza che al momento dell'utilizzo era talmente compatta da non essere più spalmabile. Finchè un giorno ho trovato in un video di Alice tv proprio ciò che stavo cercando: la crema al gianduia di Luca Montersino, che si conserva a temperatura ambiente, e, cosa che mi ha particolarmente stupito, viene preparata senza zuccheri aggiunti. L'ho anche regalata per Natale, ed è piaciuta tantissimo, e la mia piccola Gioia ne è davvero ghiotta. Ad Alessio invece non piace molto, è già grandicello ed è quindi più difficile educare il gusto ai sapori genuini...comunque la decisione è presa: d'ora in poi a casa nostra solo nutella fatta in casa! 


INGREDIENTI ( per 4 vasetti da 150 ml)

- 500 g cioccolato al latte
- 450 g pasta nocciole
- 130 g olio di riso
- 20 g cacao amaro in povere
- semi di 1 bacca di vaniglia

L'ingrediente principale è la pasta di nocciole, che potete acquistare in negozi specializzati, o, come me, preparare facilmente in casa. La differenza con quella industriale è nella grana: la pasta di nocciole fatta in casa risulta meno liscia, anche se con un buon frullatore si può ottenere un ottimo risultato.

L'unico ingrediente per ottenere la pasta di nocciole sono proprio le nocciole: vi consiglio di tostarle prima dell'utilizzo ( od acquistarle già tostate): la vostra crema gianduia avrà un gusto ed un profumo molto più intensi.

Per ottenere 450 g di pasta di nocciole vi consiglio di utilizzarne almeno 500g: con la grammatura giusta rischiate di trovarvi con poca pasta, e dover riproporzionare tutti gli ingredienti; male che vada ne avanzerete qualche cucchiaio, si conserva in frigo per un paio di settimane.

La procedura è semplice: inserite le nocciole nel frullatore e tritate alla massima velocità per qualche minuto. Basta poco e le nocciole si trasformano prima in farina, e poi iniziano a rilasciare l'olio. Proseguite fino ad ottenere una crema il più possibile liscia ed omogenea. 

Se avete il Bimby potete utilizzare la funzione turbo a intervalli di 30 secondi, spatolando, fino ad ottenere la consistenza desiderata. 

Una volta pronta trasferite la vostra pasta di nocciole in un contenitore e mettetela in frigo fino all'utilizzo.  Se invece la acquistate sarà tutto ancora più semplice, ed il procedimento inizia a partire da qui in avanti.

In un pentolino sciogliete il cioccolato al latte a bagnomaria, portandolo ad una temperatura di 45 °C. In questa ricetta l'uso del termometro è vivamente consigliato, ma se non lo avete potete regolarvi con l'aspetto del cioccolato: togliete dal fuoco non appena è completamente sciolto, omogeneo e lucido.

A parte amalgamate con un frustino l'olio, il cacao amaro ed i semi della bacca di vaniglia, fino ad ottenere un'emulsione senza grumi.

In una ciotola versate il cioccolato fuso, aggiungete l'emulsione d'olio e, per ultima, la pasta di nocciole. Inserite la ciotola in una ciotola più grande contenente acqua ghiacciata e mescolate con la frusta fino ad abbassare la temperatura a 22°C (se non avete il termometro tenete conto che dev'essere appena tiepido, siamo a livello della temperatura ambiente).

Versate infine la crema in vasetti precedentemente sterilizzati, e ponete il tutto in frigo a rassodare per circa 30 minuti. Potrete poi conservarla a temperatura ambiente: si mantiene anche per un paio di mesi, sempre se non finisce prima!! Buona cucina a tutti
Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...