giovedì 12 gennaio 2017

Liquore alle mele cotogne

E' vero, non è proprio la stagione delle mele cotogne, ma per avere pronto questo squisito liquore da inserire nei miei cestini di natale ho iniziato la preparazione circa due mesi fa, con delle mele cotogne appena raccolte. I nonni ce ne hanno regalato una bella cassetta, e, non avendole mai utilizzate in cucina, sono andata alla ricerca di informazioni su questo frutto antico e poco conosciuto. E così ho scoperto che si può utilizzare in moltissime preparazioni, sia dolci che salate: ho preparato una buonissima torta di mele cotogne, e la mostarda mantovana, ottima da accompagnare ai formaggi stagionati, di cui pubblicherò le ricette a breve. Intanto vi lascio quella per il liquore, che ho trovato da Butta la pasta; è davvero semplice, dovete però tener conto del tempo di macerazione: se lo preparate stasera sarà pronto fra una quarantina di giorni, ma all'assaggio sarete sorpresi da un gusto deciso e da un aroma delicato.


INGREDIENTI per 1 lt di liquore
( 5 bottigliette da 20 cl)

- 1 kg mele cotogne
- 1 lt alcool alimentare a 95°
- 400 g zucchero semolato
- 2 arance non trattate
- 1 stecca di cannella
- chiodi di garofano a piacere

Sbucciate le mele e tagliatele a spicchi, e mettetele in un contenitore di vetro o in un vaso di ceramica per liquori ( tipo quello per il rumptopf). Non gettate i semi, ma teneteli da parte, lavateli sotto l'acqua corrente e lasciateli asciugare completamente. Lavate ed asciugate le arance, tagliatele a spicchi e aggiungetele alle mele.

Versate lo zucchero, ricoprite il tutto con l'alcool, ed aggiungete le spezie ed i semini delle mele cotogne. Mescolate con cura, richiudete il contenitore e riponetelo in un luogo fresco e buio, avendo l'accortezza di mescolare il tutto ogni 3-4 giorni.

Trascorsi 40 giorni potete scolare la frutta dal liquido e filtrarlo utilizzando un colino a a maglie fitte foderato con una garza di cotone, oppure con gli appositi filtri in carta.

A questo punto non resta che imbottigliare il vostro liquore, e conservarlo al fresco: è un ottimo digestivo, potete consumarlo subito, ma se lo lasciate riposare per un altro mese sarà ancora più profumato! Buona cucina a tutti

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...